Crumbs, briciole di vita au pair – I biscotti di Ben

ben3
[pic by Ben’s Cookies Facebook Page]
Il mio negozio Ben’s Cookies preferito è quello di Covent Garden (13a The Piazza, WC2E 8HD, London). La mia prima volta con un biscotto di Ben è stata nel 2014.

Febbraio, freddissimo e pioggia. Ma a Londra fa freddissimo e piove spesso. Quindi, mi dico, mi abituerò. E poi senti che profumo di biscotti. Londra sarà pure la città della solitudine, ma ci sono otto punti vendita dei biscotti di Ben. Vuoi mettere?

Prendo un bicchiere di caffè americano caldissimo e un biscotto con pezzi di cioccolato fondente. Mi siedo su uno dei due tavolini e mi guardo intorno. Un biscotto in una mano. Il bicchiere di caffè nell’altra. Ma come fate a tenerli in mano, questi bicchieri caldissimi?

Sabato mattina. Mal di testa. Una settimana passata a chiedere alla persona che avevo di fronte (hostmum, maestro di inglese, impiegato alla posta, commessa di Zara and so on) se, per favore, poteva ripetere. Perché no, non ho capito. E anche se è passato un mese da quando sono arrivata a Londra, io ancora non ho capito.

Tre quarti di biscotto in una mano. Il bicchiere di caffè nell’altra. Vicino a me sotto il portico del Covent Garden Market c’è una bancarella di saponi profumati. Poi un giorno che ritorno qui e un po’ di soldi, me ne compro uno. Sono così colorati che sembrano pasticcini. Ma no, sono saponi. Si, c’è scritto soap. E soap è nel catalogo delle mie parole-certezza.

Mezzo biscotto in una mano. Il bicchiere di caffè nell’altra. Le lucine del mercato coperto. C’è qualcuno che qui non è che ci viene a passeggio il sabato e la domenica. C’è qualcuno che a Covent Garden ci abita. Voi che vedete le lucine e sentite questo profumo e nemmeno ci fate più caso. Voi che avete l’inglese fluente perché a Londra ci siete nati. Sì, che culo.

Un quarto di biscotto in una mano. Il bicchiere di caffè nell’altra. E poi a Covent Garden ci sono gli artisti di strada. Quello sta in equilibrio su una corda da un quarto d’ora e vuoi che io non riesca a imparare l’inglese?

Il biscotto finisce ed è il più buono della mia vita. Il caffè si è raffreddato un po’.

Un sorso di caffè e sorrido. Covent Garden non è un posto per persone infelici.

[Se volete sentire un po’ di profumo, la mia ricetta dei cookies è qui]

Annunci

Un pensiero su “Crumbs, briciole di vita au pair – I biscotti di Ben

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...