Crumbs, briciole di vita au pair – Sketchenglish. Io l’inglese lo imparo così!

©Simona De Leo – http://sketchenglish.blogspot.co.uk/

(per leggere la prima parte del racconto clicca qui)

I bambini portano via tanto tempo ed energia, soprattutto se sono 3, di cui 2 gemelli!

Così ho passato i primi mesi tra pannolini e poche ore di sonno. Appena avevo un po’ di tempo libero uscivo di casa a fare lunghe, lunghissime passeggiate e a volte senza rendermene conto arrivavo da nord a sud di Londra a piedi, anche io incredula di come avessi fatto. Intanto la matita rimaneva nel cassetto, anche perché con miei 20Kg disponibili alla partenza avevo dovuto escludere i materiali artistici dalla mia valigia per fare spazio a cappotto e maglioni.

Pian piano ho ricominciato a ricostruire la mia collezione di album, quaderni, sketchbook e colori. Ed è proprio da qui che ho ricominciato. Ho iniziato ad unire il camminare al disegnare e così nelle lunghe camminate c’era sempre una lunga sosta per realizzare sketch di Londra. Dopo aver confermato a me stessa che, sì, sapevo ancora disegnare, sentivo il bisogno di ricominciare a farlo costantemente, con un obiettivo e un progetto.

Il passo dal “ok da domani ricomincio a disegnare” a “cosa disegno” è stato abbastanza immediato.

Sono a Londra per imparare l’inglese (quello vero), e, lo so, è difficile ammetterlo, ma a questa età non è più così facile e immediato come per un bambino che inizia a parlare.

Ma, per mia fortuna, la mia memoria visiva mi ha sempre salvato nella vita. Così mi sono detta: posso imparare l’inglese disegnando. Che è la cosa che mi è sempre venuta meglio.

È da qui che nasce il blog Sketchenglish. Perciò se anche voi siete alle prese con l’inglese, venite a dare un’occhiata. Su Sketchenglish potrete finalmente dare un volto ai mille Phrasal verbs, che a mio parere sono la cosa più difficile da memorizzare; Vocaboli, idiomi e modi di dire dal tipico sottile humor inglese. E se ogni tanto volete chiudere i libri e dedicarvi ad altro, come è giusto che sia, non temete. Troverete anche qualche notizia su Londra, accompagnata naturalmente dai LondonSketch, e qualche evento in città a cui non potete mancare…

Perché ogni cosa, seppur faticosa, se fatta nel modo in cui a noi viene più naturale è sempre più facile e divertente.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Simona De Leo, 25 anni
aupair in Camden (London)
deleo.simona@gmail.com

website – facebook – instagram – twitter

.

Annunci

Un pensiero su “Crumbs, briciole di vita au pair – Sketchenglish. Io l’inglese lo imparo così!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...