Crumbs, briciole di vita au pair – Baby sitting il sabato sera: What about a movie?

Pop Corn
[pic by Thomas Hawk]

A tutte le au pair capita il fatidico momento del baby sitting al sabato sera. Che fare? Se hai un solo bambino è facile, si ordina una pizza e gli si fa scegliere un film. Ma con tre?

La mia prima volta era passato già un mese e mezzo, almeno la confidenza c’era, e, nonostante le diverse fasce d’età, potevo sempre contare sulla costante di genere e proporre qualche attività girly. Va detto che in Inghilterra si cena presto e che la maggior parte delle volte alle 7 i bambini già ti aspettano sul divano per l’intrattenimento serale. Che brave, le mie bimbe non piangono e non si lamentano se i genitori ogni tanto si concedono una serata fuori casa, sono felici di passare del tempo con me. Bisticciano per sedersi al mio fianco e alla fine negoziano che il mio posto sarà al centro, assieme alla sorellina minore che regge i pop-corn, a mo’ di Madonna col bambino con al fianco San Giuseppe e la Maddalena.

È la prima sera, quindi lascio scegliere alle maggiori E e C, sapendo che la piccola di tre anni quando ha tra le braccia un secchio di pop corn è già in paradiso. Proposta: Bratz the Movie. Massì, guardiamolo, la prossima volta andrà meglio. Finalmente dopo un’ora e mezza il film finisce. E tu ti senti un po’ come dopo tre ore di Corazzata Potëmkin, ma le bambine sono tanto contente. Piccolo dettaglio: sono solo le 8:30.

Allora altro film: The Princess Diaries. A dire il vero a me Anne Hathaway piace solo su Il diavolo veste Prada, perché la trattano tutti male, ma loro sono sempre più felici e mi spiace persino mandarle a letto. In fondo, la prossima volta sarà il mio turno per la scelta del film.

E, a poco più di un mese di distanza, eccomi lanciare La proposta: Mrs. Doubtfire. Conservo un ricordo vivido di quella sera: le mie amiche avevano organizzato un’uscita in un club nel centro, da giorni, ma io già sapevo di dover fare baby sitting e non avrei mai potuto contestare. I miei hostparents non mi chiedevano mai nulla e mi sembrava doveroso dire di sì quelle poche, organizzatissime volte in cui era richiesto il mio aiuto. E poi si sa, «Shit happens»: passi serate su serate a endovene di serie TV perché non sai cosa fare e la volta buona che c’è qualcosa in programma non puoi uscire. Ad ogni modo, il film sembra piacere a tutte e alla scena clou in cui Robin Williams si dà fuoco al petto (finto) mentre assaggia la minestra parte una risata lunga una vita, di quelle che dobbiamo mettere in pausa il film per riprenderci. E e C ridono, perché un uomo conciato da vecchia signora inglese che impreca come un camionista è divertente; S ride perché lo fanno le sorelle. E io rido perché tutto mi riporta a quando avevo la loro età e come loro mi divertivo con un secchiello di pop corn e una commediola.

Le bambine hanno quel modo di ridere avvolgente, puro, che ricorda le deep fruity laughs’ degli hobbits. ‘Fruity’, perché la frutta è genuina, mette di buon umore e fa pensare a cose belle, come l’estate e la macedonia della nonna.

Poi il film finisce, è tardi e la porta di ingresso si apre: bisogna correre a letto. A dire il vero è un po’ troppo tardi, ma noi i segreti li sappiamo mantenere e non diciamo a nessuno di essere state in piedi fino alle 11. Andiamo a letto tutte col sorriso: da allora i sabati sera con le bambine hanno avuto tutt’altro sapore.

Capisci di far parte di una famiglia quando il weekend rannicchiata sul divano a guardare film anni Novanta non fa più miseria, ma piacere. Anche se vivi a Londra.


Nicole Baù, 25 anni
aupair in Kew (London)
nicoleb17.89@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...