Salina, isola della gentilezza

Gli abitanti dell’isola conoscono la solitudine. Conservano lo stupore per il piede straniero che affonda sulla sabbia e viene da lontano. Chi sei tu? Da dove vieni?

Tutto l’inverno con gli occhi all’orizzonte, un mare scuro e solo poche navi ad attraccare. Nessuna voce che sia voce nuova. Il sale che si accumula sugli spigoli e li modella. Gli alberi che si piegano al vento forte. Le stesse facce, gli stessi odori. E gli occhi all’orizzonte e il mare scuro. E solo poche navi ad attraccare.

L’estate, dunque, con il suo brulicare di voci e di occhi sorpresi, è una grande festa. Le ancore affondano, una dopo l’altra, e la terra si riempie di curiosi esploratori, alla ricerca della quiete preziosa che si trova solo in mezzo al mare. Gli isolani avvolgono con il loro calore chi è solo di passaggio, lo guidano per le curve che portano da un piccolo paese all’altro. Morbide e verdi. Fino alle scogliere scoscese, alle scalinate ripide, ai tramonti disegnati.

Fermiamoci qui, aspettiamo il tramonto.
Aspettare. Fermarsi. Il silenzio.

Il bianco, il blu, le insegne dipinte. Il pesce sulla riva e i piedi sporchi. La malvasia che addolcisce lo spirito. Il mare che si apre profondo agli sguardi più audaci. Perché la terra è bella al punto che non basta mai.

E quindi giù, negli abissi, a scovare i tesori del mare.

Le labbra che si toccano, salate. Le mani che si trovano sicure. Che questo era il posto giusto e ci stava solo aspettando.

Senza fretta, senza orari, senza legami se non quello con la strada che porta a casa alla fine del giorno. La libertà di girare in mutande, di mettersi a ballare in mezzo alle piazze, di intrufolarsi nelle case degli altri.

I pomodori appesi a seccare, il basilico vivo nei vasi di terracotta.

Perché pagare migliaia di euro per un albergo a cinque stelle, sei stelle, sette stelle, quando si è liberi di dormire sulle pietre, gratis, sotto migliaia e migliaia di stelle?

Terra di acqua e terra di fortuna.
Salina, isola della gentilezza.

Annunci

Un pensiero su “Salina, isola della gentilezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...